Benvenuto ospite. Effettua il oppure registrati al sito per accedere ai nostri servizi.

Richiesta di Risarcimento Danni

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+1Email this to someone

Nei casi in cui la procedura C.A.R.D. (risarcimento diretto) non può essere applicata, ovvero in caso di :

  • Assenza di collisione tra i veicoli (non c’è stato per uno dei due un danno effettivamente constatabile)
  • Coinvolgimento di più di due veicoli
  • Sinistri non avvenuti in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano
  • Veicoli non identificati o non assicurati per la R.C.Auto, non immatricolati in Italia, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano
  • Lesioni personali superiori al 9%
  • Coinvolgimento di un ciclomotore munito del vecchio targhino a 5 caratteri
  • In tutti gli altri casi non descritti

l’Assicurato ha diritto di agire direttamente nei confronti della Compagnia di Assicurazione del veicolo responsabile del sinistro inviando una lettera di richiesta risarcimento danni e il modulo di denuncia del sinistro (Modulo Blu o Constatazione Amichevole di Incidente) opportunamente compilato.

Se a causa di un sinistro del quale ti ritieni “non responsabile” subisci lesioni personali che potrebbero essere superiori al 9%, non puoi chiedere i danni direttamente al tuo Assicuratore ma puoi farlo nei confronti dell’Assicuratore del veicolo responsabile con una lettera raccomandata A.R. nella quale chiedi il risarcimento danni, descrivi l’accaduto e indichi tutti i dati utili come previsto dal Modulo Blu. Questo per consentire all’Assicuratore stesso di procedere alla quantificazione del danno e alla liquidazione del sinistro.

Nella maggior parte dei casi è inutile rivolgersi ad un legale in caso di sinistro perché si evitano lungaggini, complicazioni e costi a volte eccessivi. Inoltre è importante sapere che l’Articolo 145 del Codice delle Assicurazioni prevede un cosiddetto “termine dilatorio” ovvero un periodo nel quale le eventuali spese legali sostenute per esercitare l’azione diretta, non sono rimborsabili. Questo perché la legge vuole favorire la via ordinaria del risarcimento e le transazioni pacifiche tra le parti. Le spese legali sono rimborsabili invece, dopo 60 giorni (o 90 giorni in caso di lesioni personali) dal momento in cui la Compagnia ha ricevuto la richiesta e non si è ottenuto alcun risarcimento o si è insoddisfatti di quello ricevuto.

Dobbiamo indirizzare la nostra Richiesta di Risarcimento Danni direttamente alla Compagnia di Assicurazioni (o al suo Ispettorato Sinistri) del veicolo responsabile del sinistro (fig.1).

Richiesta di Risarcimento Danni

Fac-Simile Lettera di Richiesta Risarcimento Danni

CONFRONTA POLIZZE AUTO

Vota questo Articolo!
The following two tabs change content below.
AmicoAssicuratore
Nato nel 2010 da un'idea di Pietro Sorano, AmicoAssicuratore.it, con i suoi 40.000 visitatori mensili, è oggi una delle più importanti realtà editoriali indipendenti in ambito assicurativo, nonché punto di riferimento per molti utenti che vogliono comprendere il funzionamento delle Polizze di Assicurazione. AmicoAssicuratore.it è un Blog libero, gratuito ed accessibile a tutti. AmicoAssicuratore.it non svolge in alcun modo attività di Intermediazione Assicurativa Online e non percepisce alcun compenso dall'utenza del Blog. Per maggiori Informazioni leggi i Termini di Utilizzo e l'Informativa sulla Privacy & Cookie che troverai in fondo ad ogni pagina del Blog.
AmicoAssicuratore

Ultimi post di AmicoAssicuratore (vedi tutti)

Lascia un commento

Or

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.