Benvenuto ospite. Effettua il oppure registrati al sito per accedere ai nostri servizi.

Assicurazione sulla Casa – Garanzia Furto

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

CONFRONTA POLIZZE CASA

Il Quadro Furto nell’Assicurazione sulla Casa segue i principi dell’Assicurazione Furto generica analizzata nella sezione “Concetti Base” e che consigliamo di leggere.

 

Cosa copre la garanzia Furto nell’Assicurazione Casa?

Tra le condizioni di assicurazione che l’intermediario ci ha consegnato prima della sottoscrizione del contratto leggeremo la descrizione/definizione del rischio assicurato dal Quadro Furto :

“La Compagnia di Assicurazioni indennizza, nei limiti delle somma assicurate ed entro i limiti di Polizza, i danni materiali e diretti al contenuto (anche se di proprietà di terzi) causati da … “

  • Furto con scasso o rottura;  Attenzione allo “scasso”. Il furto, per essere oggetto di rimborso da parte della Compagnia, deve avvenire con scasso. Cioè con una manomissione o una rottura dei mezzi di chiusura a protezione del fabbricato. Tali mezzi di chiusura inoltre devono essere posti all’esterno del fabbricato, del tetto, delle pareti o dei solai e devono avere caratteristiche di adeguata resistenza e robustezza ed essere chiusi con serrature o lucchetti. Se ad esempio il furto avviene in una circostanza in cui al malvivente è bastato rompere un vetro (e quindi non un mezzo di chiusura di adeguata resistenza) per introdursi nell’appartamento, il sinistro viene indennizzato con uno scoperto che di solito è del 20%.
  • Furto senza scasso; Il furto senza scasso viene rimborsato soltanto se le aperture e i mezzi di chiusura sono posti ad almeno 4 metri dal suolo o da superfici e ripiani accessibili dall’esterno. Alcune Compagnie di Assicurazioni aggiungono che in casa, nel momento in cui si verifica il sinistro, deve esserci l’Assicurato o una persona con lui convivente maggiorenne. In caso contrario il sinistro non sarà indennizzato. E’ molto importante leggere queste definizioni e chiedere chiarimenti al proprio intermediario. E’ anche su queste basi che vanno effettuati i confronti tra i vari prodotti e non solo sul premio. Immaginate il caso appena esaminato. Se la Compagnia nelle condizioni precisa che il furto “senza scasso” è rimborsabile se avviene attraverso aperture poste ad almeno 4 metri senza aggiungere altro e un’altra Compagnia pone, oltre a questa, la condizione che in casa ci sia la presenza di qualcuno, la differenza di copertura è evidente.
  • Furto con l’utilizzo di chiavi false o simili; Qui ci sarebbe da discutere e dimostrare in caso di sinistro che lo stesso sia avvenuto con chiavi false, in quanto potrebbe non esserci “scasso”. Questa parte delle Condizioni di Polizza Furto dell’abitazione di quasi tutte le Compagnie è poco chiara. Perché a nostro avviso in caso di sinistro può dare adito a diverse interpretazioni a meno che non ci sia comunque una manomissione dell’apertura. Ed’è quel “chiavi fase o simili” che ci fa ben sperare.
  • Furto con chiavi smarrite o sottratte; In questo caso lo smarrimento delle chiavi e l’utilizzo da parte di qualche malintenzionato rende la garanzia furto operativa, ma nel momento in cui ci accorgiamo di non avere più il possesso delle chiavi dobbiamo immediatamente fare denuncia alle autorità competenti. Questo perché la garanzia opera dalla data presente sulla stessa denuncia. Per cui se oggi ci accorgiamo di aver smarrito le chiavi e la denuncia la facciamo domani il furto sarà rimborsabile da domani e non nel caso avvenisse oggi. Anche qui ci sarebbe da discutere poiché se non abbiamo la possibilità di recarci immediatamente a fare denuncia e il furto dovesse avvenire prima non saremmo rimborsati. Ancora peggio nel caso in cui ci accorgessimo di aver smarrito le chiavi dopo qualche giorno se siamo fuori casa. Inoltre, come verrebbe giudicata la circostanza nella quale la perdita delle chiavi non sia seguita immediatamente dalla sostituzione della serratura? (Leggendo l’Art. 1914 del Codice Civile la legge prescrive che l’Assicurato deve fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire il danno). A seconda delle condizioni di Polizza potrebbero essere derogati i limiti di tempo per effettuare la denuncia imposti dall’Art. 1913 del Codice Civile (3 giorni) e resi più lunghi, ma se in questo periodo siamo fuori casa e ci accorgiamo dello smarrimento delle chiavi solo perché siamo venuti a conoscenza da qualche vicino del furto già compiuto? Il sinistro non è indennizzabile analizzando le condizioni… Ecco perché è fondamentale chiedere delucidazioni su ogni aspetto perché nonostante tutto potremmo ritrovarci in fattispecie “discutibili” dal punto di vista dell’operatività della copertura assicurativa. Alcune garanzie necessiterebbero di una descrizione molto più dettagliata e precisa per evitare interpretazioni diverse in caso di sinistro.
  • Furto avvenuto con introduzione clandestina. Ovvero se i malintenzionati si introducono nella nostra abitazione quando questa è accessibile (porte o finestre aperte) e si nascondono per poi intervenire durante la notte o in assenza dei proprietari. La garanzia opera se il bottino viene asportato dopo la chiusura dei locali. Anche in questo caso potrebbero verificarsi episodi “opinabili”. Se i malintenzionati si sono introdotti clandestinamente nell’abitazione nascondendosi e un’urgenza ci costringe ad uscire di casa dimenticando di chiudere a chiave la porta, i ladri potrebbero tranquillamente raccogliere la refurtiva ed uscire senza manomettere il mezzo di chiusura. Il sinistro quindi non sarebbe indennizzabile. Questo è precisato al primo punto: i mezzi di chiusura devono essere chiusi con serrature o lucchetti. Ma non è previsto, come nel primo caso, un indennizzo ridotto con uno scoperto.
  • Rapina avvenuta dentro l’abitazione; (leggere “Assicurazione Furto” nei “Concetti Base”).
  • Rapina avvenuta fuori dall’abitazione; Questa è solitamente una condizione particolare della garanzia furto e deve essere richiamata in modo specifico.
  • Scippo; Anche questa è una condizione particolare e deve essere esplicitamente richiamata per l’operatività.
  • Furto commesso in caso di Eventi Socio-Politici o Atti Vandalici; Per quanto riguarda questa fattispecie è importantissimo chiedere all’intermediario se la stessa è compresa nella garanzia base o se è necessario inserirla separatamente perché può dare origine a dissapori con la Compagnia in caso di Sinistro.
  • Furto commesso dai Prestatori di Lavoro; Altra condizione particolare. Se abbiamo una badante in casa (con contratto regolare) questa potrebbe approfittare della nostra assenza per commettere un furto. E’ necessario chiedere all’intermediario (laddove necessitassimo di questa garanzia) se la stessa è operante con la garanzia base acquistata.
  • Furto tra le mura domestiche; (Leggere attentamente, se presente, la previsione di questa fattispecie perché certamente avrà molte limitazioni).
  • Furto del contenuto delle “Dipendenze” del Fabbricato; Innanzitutto cerchiamo nel Glossario la definizione di “contenuto delle Dipendenze” per comprendere quali beni sono compresi. Successivamente andiamo ad analizzare i sottolimiti previsti per l’indennizzo.

Altre condizioni particolari che potrebbero essere previste e comprese sono ad esempio il furto commesso approfittando di un malore del contraente, o quello commesso con la rottura del vetro dell’autovettura (quando c’è però l’Assicurato in auto), o ancora quello dei bagagli lasciati incustoditi (ma chiusi nel bagagliaio).

Nel Quadro Furto potrebbe essere previsto, in caso di sinistro, anche il rimborso delle spese per la sostituzione delle serrature, per il rifacimento dei documenti personali o per potenziare i mezzi di chiusura.

Potrebbe inoltre essere automaticamente compreso il furto di fissi e infissi (a volte previsto già nel Quadro Incendio) o il danno dovuto ad Atti Vandalici commessi durante il furto (chiediamo all’intermediario se questa fattispecie è coperta dalla garanzia base perché da origine a molti malintesi).

Non diamo mai per scontata l’esistenza di tutte queste garanzie nella nostra Polizza Casa. E’ necessario leggere attentamente le condizioni e chiedere al proprio intermediario delucidazioni per qualsiasi dubbio.

Tutte le garanzie particolari appena viste hanno dei sottolimiti per l’indennizzo e possono prevedere l’applicazione di scoperti o franchigie. E’ indispensabile leggere le condizioni per venirne a conoscenza in quanto variano molto a seconda del prodotto e del marchio scelto. Sono tutti fattori che rendono molto difficile il confronto, ma è per questo che cerchiamo di analizzare i minimi dettagli consentendovi di poter scegliere in base alle Vostre particolari esigenze e non solo in base al premio.

C’è da fare un’altra considerazione in merito al furto di denaro e/o valori preziosi.

Per il denaro, i valori preziosi, le collezioni e le pellicce sono previsti sempre sottolimiti importanti di indennizzo e scoperti o franchigie particolari. Anche l’analisi di questi elementi può fornire un’idea sull’opportunità di stipulare l’una o l’altra Polizza in base alle personali esigenze. Inoltre mette in evidenza delle scoperture altrimenti non visibili che possono inizialmente essere tamponate chiedendo all’intermediario e alla Compagnia dei massimali più elevati e pagando il relativo incremento di premio.

Se in casa abbiamo un Dipinto di Valore ad esempio, potremmo farlo stimare e prima di stipulare la polizza furto far visionare la stima alla Compagnia. Se la stima viene accettata e inserita in Polizza attraverso l’emissione di un’apposita Appendice parte integrante del Contratto, l’eventuale furto dell’oggetto sarà indennizzato per lo stesso valore.

Molto importante nel Quadro Furto è la definizione di Dimora.

La dimora può essere abituale o saltuaria. La dimora abituale è dove viviamo la maggior parte dell’anno. Quella saltuaria è la villa che utilizziamo durante il periodo estivo o la casa in montagna.

E’ evidente che il rischio furto per la dimora saltuaria è più alto di quello relativo alla dimora abituale e quindi avrà una tariffazione diversa, certamente più onerosa.

Le condizioni di polizza prevedono per la dimora saltuaria sottolimiti e tempi per l’operatività della garanzia diversi e solitamente uno scoperto in caso di sinistro che può arrivare al 30%.

 

Cosa non copre la garanzia Furto nell’Assicurazione Casa?

Solitamente sono esclusi i danni da Furto :

  • avvenuti in occasione di Eventi Socio-Politici (ma questo come visto può essere derogato da una garanzia particolare);
  • avvenuti in occasione di Incendio, Esplosione e Scoppio;
  • avvenuti in occasione di Calamità Naturali;
  • agli autoveicoli (che prevedono la copertura furto nella Polizza RC Auto);
  • causati da dolo o da colpa grave dell’Assicurato o delle persone di cui questi deve rispondere;
  • avvenuti in occasione di guerre, insurrezioni e occupazioni militari;
Vota questo Articolo!
The following two tabs change content below.
AmicoAssicuratore
Nato nel 2010 da un'idea di Pietro Sorano, AmicoAssicuratore.it, con i suoi 40.000 visitatori mensili, è oggi una delle più importanti realtà editoriali indipendenti in ambito assicurativo, nonché punto di riferimento per molti utenti che vogliono comprendere il funzionamento delle Polizze di Assicurazione. AmicoAssicuratore.it è un Blog libero, gratuito ed accessibile a tutti. AmicoAssicuratore.it non svolge in alcun modo attività di Intermediazione Assicurativa Online e non percepisce alcun compenso dall'utenza del Blog. Per maggiori Informazioni leggi i Termini di Utilizzo e l'Informativa sulla Privacy & Cookie che troverai in fondo ad ogni pagina del Blog.
AmicoAssicuratore

Ultimi post di AmicoAssicuratore (vedi tutti)

2 Comments

  1. gennaro luongo

    buongiorno,
    ho subito un furto. I ladri sono entrati in casa senza lasciare segni di effrazione o scasso. Le condizioni però parlano di uso di grimaldelli, arnesi simili o uso fraudeolento di chiavi. non mi vogliono pagare il danno. mi da un consiglio’

    • AmicoAssicuratore

      Gent.mo Gennaro,
      grazie per averci scritto.
      Il quesito che lei pone ha dato origine a tante diatribe tra Compagnie e Assicurati.
      In caso di furto, la denuncia fatta alle autorità riveste una notevole importanza. La Compagnia valuterà la denuncia, effettuerà la Perizia e in virtù delle variabili coinvolte prenderà una decisione. E nel suo caso è stata negativa.
      Normalmente in assenza di effrazione e/o scasso il danno non è indennizzabile, ma lei ritiene che l’evento sia avvenuto attraverso l’utilizzo di chiavi false o grimaldelli (evento comunque assicurato). La Compagnia evidentemente, attraverso la perizia, ha riscontrato che ciò non è avvenuto.
      A questo punto provi a contattare l’ufficio liquidazione che ha seguito la sua pratica chiedendo come mai è stata presa questa decisione e quali sono le considerazioni emerse durante la perizia.
      Qualora non trovasse riscontro o non fosse d’accordo, potrebbe rivolgersi ad un consulente legale di fiducia.
      Cordialmente.

Lascia un commento

Or

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.